Science Tech

Questa scimmia gioca a Pong con la mente grazie a un chip Neuralink | VIDEO

Elon Musk l’aveva detto che nei laboratori di Neuralink c’era una scimmia che giocava ai videogiochi, usando “il pensiero” per divertirsi con una “versione cerebrale di Pong”. Non mentiva. Con un video pubblicato nelle scorse ore su YouTube, l’azienda che si occupa di sviluppare interfacce neurali impiantabili ci ha presentato Pager, un macaco di nove anni che gioca al famoso ma rudimentale gioco anni ’70 usando solo la mente.


Si tratta di un nuovo passo avanti verso lo sviluppo di una tecnologia che potrebbe rivoluzionare la vita di molte persone, permettendo a uomini e donne paralizzati di interagire in modo più semplice con i computer e di conseguenza il mondo che li circonda. In passato Neuralink aveva già tenuto una dimostrazione di base, ma su un maiale, scatenando le ire degli animalisti.

Neuralink ha impiantato un chip wireless (N1 Link) nel cervello di Pager all’incirca sei settimane prima di girare il video. Nei giorni successivi le è stato insegnato a giocare ai videogiochi con un joystick, restituendole come ricompensa un frullato di banana tramite una cannuccia metallica. Per tutta questa fase il chip Neuralink, dotato di 1024 elettrodi, ha registrato e inviato a un software dedicato le informazioni sui neuroni attivati da Pager, in modo da correlare i movimenti dalla mano alle regioni cerebrali, con l’obiettivo di creare un modello.

“Abbiamo impiantato il Link nelle aree della mano e del braccio della corteccia motoria, una parte del cervello coinvolta nella pianificazione e nell’esecuzione dei movimenti. Abbiamo posizionato i collegamenti bilateralmente: uno nella corteccia motoria sinistra (che controlla i movimenti del lato destro del corpo) e un altro nella corteccia motoria destra (che controlla il lato sinistro del corpo)”, si legge sul blog di Neuralink.

Dopo aver concluso questa fase iniziale di “raccolta dati”, il joystick è stato rimosso e Pager ha continuato a giocare usando solo la propria mente, muovendo le barrette bianche senza l’ausilio di alcun joystick o altro tipo di interfaccia.

Elon Musk, diffondendo il video, ha dichiarato che “il primo prodotto di Neuralink permetterà a una persona paralizzata di usare uno smartphone con la mente più velocemente di qualcuno che usa i pollici” e ha parlato di successive versioni capaci di smistare i segnali dai Neuralink nel cervello per consentire ai paraplegici di camminare di nuovo.

Il dispositivo, assicura l’imprenditore, è impiantato a filo con il cranio ed è in grado di ricaricarsi in modalità wireless, quindi non ci saranno ripercussioni sull’aspetto estetico o di altro tipo. “Apparirete e vi sentirete completamente normali”, ha aggiunto Musk.

Leggi anche: Interfacce Brain-Computer: dimostrato per la prima volta il funzionamento di una versione wireless


Source link

bourbiza

Bourbiza Mohamed. Writer and Political Discourse Analysis.

Related Articles

Leave a Reply

Back to top button