Italia News Today

L’impianto di trattamento di petrolio e gas di Eni a Mellitah, in Libia, è assediato da un gruppo armato da martedì

Da martedì l’importante impianto di trattamento di petrolio e gas di Mellitah, nella parte occidentale della Libia, è assediato da un gruppo armato di miliziani dell’area di Zuwara, città costiera che si trova lì vicino. L’impianto si trova un’ottantina di chilometri a ovest di Tripoli ed è gestito da ENI e dall’azienda nazionale libica, la National Oil Corporation. Dal complesso industriale parte il gasdotto Greenstream, che collega l’Africa alla Sicilia.

Il gruppo armato blocca l’ingresso e l’uscita del personale dell’impianto da martedì, quando il capo delle milizie e responsabile della sicurezza locale, Imad al-Din Masoud, era stato arrestato su mandato della Procura generale libica con l’accusa di traffici illeciti. I miliziani ritengono l’arresto di al-Din Masoud un «rapimento».

Non è la prima volta che gruppi armati prendono di mira la zona di Mellitah. In un comunicato i sindacati dell’impianto chiedono che i miliziani lascino lo stabilimento e dicono di ritenerli «completamente responsabili di mettere in pericolo la vita dei lavoratori a cui impediscono di entrare e di uscire».

– Leggi anche: La visita di Draghi in Libia

(function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(d.getElementById(id)){return}js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”https://connect.facebook.net/it_IT/all.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs)}(document,”script”,”facebook-jssdk”));


Source link

bourbiza

Bourbiza Mohamed. Writer and Political Discourse Analysis.

Related Articles

Leave a Reply

Back to top button