Science Tech

Il nucleare è energia pulita secondo l’Amministrazione Biden

L’Amministrazione Biden sta definendo un piano per incoraggiare le aziende ad adottare processi di produzione di energia il pi possibile puliti. Il nucleare e il CCS (Cattura e sequestro del carbonio) fanno parte dell’insieme di soluzioni che l’Amministrazione Biden sta prendendo in considerazione, secondo quanto ha detto il consigliere per il clima della Casa Bianca Gina McCarthy in una conferenza stampa.


Energia nucleare nel futuro degli Usa?



Le intenzioni del governo Usa sono quelle di mettere gli Stati Uniti sulla buona strada per eliminare l’inquinamento da carbonio. Biden ha chiesto che il 100% dell’elettricit americana sia generata da fonti che non fanno uso di carbonio entro il 2035. L’energia nucleare non produce alcun inquinamento da carbonio e molti esperti ritengono che dovrebbe essere presa in considerazione da qualsiasi piano di transizione verso le energie pulite.


L’energia nucleare, infatti, si caratterizza per una grande capacit di generazione e di erogazione di energia. Come noto, per, molte organizzazioni ambientaliste, e non solo, criticano i processi di produzione di energia basati sul nucleare per via del problema dello smaltimento delle scorie nucleari e per i malfunzionamenti alle centrali nucleari che si sono verificati negli ultimi decenni, con conseguenti disastri ecologici.



insolito che un governo inserisca l’energia nucleare nel proprio piano di approvvigionamento energetico. pi comune concentrarsi sulle fonti di energia rinnovabile come eolico, solare e idroelettrico. Del resto, l’Amministrazione Biden non specifica ancora quale sia la portata della sua adozione del nucleare: anzi, possibile che si faccia riferimento solo agli impianti attualmente in funzione. Costruire nuovi impianti di produzione di energia nucleare comporta, del resto, sfide e costi non indifferenti.


I reattori nucleari di nuova generazione sono in grado di riutilizzare le scorie. Si tratta di tecnologie avanzate, ancora molto costose, e ancora in fase di costruzione e collegamento all’infrastruttura. Si stima, inoltre, che la Germania, per via della chiusura delle centrali nucleari prevista entro il 2022, torner a utilizzare pi carbone.


Cattura e sequestro del carbonio: di cosa si tratta


McCarthy ha fatto riferimento anche al CCS, in passato lungamente proposta come soluzione ai problemi di inquinamento con combustibili fossili. Si tratta di un processo di confinamento dell’anidride carbonica tramite sistemi in grado di isolare l’anidride carbonica dai flussi di scarico delle centrali elettriche e imprigionarla nel sottosuolo.


Nella maggior parte dei casi si impiega una soluzione a base di ammina che assorbe l’anidride carbonica dallo scarico. La soluzione viene quindi riscaldata in modo che solamente l’anidride carbonica venga rilasciata e che il gas possa essere facilmente trasportato per lo stoccaggio o l’utilizzo.


Nessuna centrale elettrica commerciale negli Stati Uniti attualmente utilizza CCS, perch in passato il procedimento stato criticato perch prolunga l’uso delle soluzioni basate sui combustibili fossili.


McCarthy ha anche affermato che l’Amministrazione di cui fa parte non esclude che in futuro possa esserci una tassa per le aziende che sprigionano grosse quantit di anidride carbonica o che non conseguano i piani di transizione alle energie pulite secondo le tempistiche stabilite. Applicare delle tasse per va sempre a incidere sugli interessi specifici delle aziende, e sembra una strada non facilmente perseguibile per Biden in questo momento. Cinque membri del gabinetto del presidente Biden riferiranno nei prossimi giorni al Congresso per avviare il processo legislativo sulla transizione ecologica.


Source link

bourbiza

Bourbiza Mohamed. Writer and Political Discourse Analysis.

Related Articles

Leave a Reply

Back to top button