Italia News Today

Covid, lavoro: dalle riunioni alle trasferte, le regole aggiornate per la sicurezza

Massimo utilizzo del lavoro agile o da remoto come strumento di prevenzione. Mascherina obbligatoria in tutti i casi di condivisione degli ambienti di lavoro (al chiuso o all’aperto), rispetto del distanziamento sociale (anche riposizionando le postazioni e sfruttando uffici inutilizzati o sale riunioni), orari differenziati per evitare assembramenti all’entrata e all’uscita. E ancora: riunioni in presenza vietate, attività di formazione in aula sospese, trasferte solo dopo aver valutato la situazione epidemiologica delle sedi di destinazione. Sono le regole del protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro sottoscritte tra governo e parti sociali che ha aggiornato gli accordi precedenti del 14 marzo e 24 aprile 2020, a inizio pandemia da coronavirus. Documento siglato insieme a quello sulle vaccinazioni in azienda.

Lavoro agile e assistenza del datore di lavoro

La raccomandazione preventiva per i datori di lavoro privati è il «massimo utilizzo, ove possibile, della modalità di lavoro agile o da remoto», oltre all’incentivazione di ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti. Quando possibile anche le attività professionali vanno svolte al proprio domicilio o a distanza. Il datore di lavoro deve però garantire «adeguate condizioni di supporto al lavoratore e alla sua attività»: come l’assistenza nell’uso delle apparecchiature, modulazione dei tempi di lavoro e delle pause.

Loading…

Mascherine sempre obbligatorie

Il mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro resta la principale misura di contenimento ma le aziende sono tenute ad assicurare che negli spazi condivisi – al chiuso o all’aperto – vengano indossate sempre le mascherine chirurgiche.

Pulizia e sanificazione

L’azienda deve assicurare la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica dei locali, delle aree comuni e delle postazioni di lavoro. Ma anche di tastiere, schermi touch e mouse. Sanificazione periodica e la pulizia giornaliera devono riguarda anche i locali mensa e le tastiere dei distributori di bevande e snack.

Produzione, turni e orari

Per limitare al massimo il rischio contagi le aziende possono disporre la chiusura dei reparti diversi dalla produzione, rimodulare la produzione e rivedere i turni con l’obiettivo di diminuire i contatti. L’articolazione del lavoro potrà essere ridefinita con orari differenziati, che favoriscano il distanziamento sociale riducendo il numero di presenze in contemporanea nel luogo di lavoro e prevenendo assembramenti all’entrata e all’uscita con flessibilità degli orari.


Source link

bourbiza

Bourbiza Mohamed. Writer and Political Discourse Analysis.

Related Articles

Leave a Reply

Back to top button